• Condividi :

Leah Hayden

Leah Hayden ha studiato tedesco, scienze politiche e filosofia a Heidelberg e negli Stati Uniti, dove ha vissuto a lungo vicino a New York. Oggi vive con il marito a Salerno e lavora come giornalista freelance.

I LIBRI

Miss Guggenheim

Leah Hayden

Marsiglia, 1941. La città sonnecchia oziosa sotto l’intenso sole di mezzogiorno mentre una donna, incurante del caldo, si inerpica lungo la strada che conduce a Villa Bel Air. Quarant’anni compiuti, capelli neri che le scendono fino alle spalle e un abbigliamento semplice, Peggy Guggenheim è già nota in tutti gli atelier di Parigi per la sua collezione d’arte. Innamorata delle avanguardie, è giunta in quella casa dalla facciata color ruggine e dalle imposte verdi per incontrare il pittore Max Ernst, di cui ha già avuto modo di apprezzare l’opera densamente. Quello che dovrebbe essere un appuntamento di lavoro, tuttavia, si trasforma ben presto in un incontro del destino: è infatti sufficiente un solo sguardo perché Peggy abbia la sensazione che quell’uomo dalla chioma candida e dai profondi occhi azzurri riesca a leggerle anche i pensieri più reconditi. Divenuti inseparabili, Peggy e Max sanno che la situazione in Europa non è più sicura, soprattutto per un’ebrea. Ma organizzare l’espatrio, per Miss Guggenheim, non significa soltanto condurre in salvo l’ex marito, i loro figli e l’uomo di cui è innamorata. Significa, soprattutto, strappare alla confisca e al bando l’«arte degenerata», come viene definita l’arte d’avanguardia dai nazisti.
Attraverso un rocambolesco viaggio oltreoceano, con i più grandi capolavori dell’arte contemporanea avvolti nelle lenzuola ed etichettati come «articoli per la casa», l’eccentrica mecenate farà di tutto per realizzare il suo sogno: trovare negli Stati Uniti un edificio adeguatamente grande dove le opere della sua collezione vengano esposte al pubblico. Ma spesso l’ostinazione non basta e, sebbene l’impossibile abbia sempre esercitato su Peggy Guggenheim un fascino ben maggiore di ciò che si offre a portata di mano, le difficoltà non mancheranno nemmeno una volta sbarcati a New York. Soprattutto quando Max Ernst verrà fermato alla dogana con l’accusa di essere un «nemico straniero», rischiando il rimpatrio… Sullo sfondo dell’Europa sconvolta dalla Seconda guerra mondiale, e della New York degli anni Quaranta in cui si muovono artisti del calibro di Fernand Léger, Yves Tanguy, PietMondrian, Marc Chagall e André Breton, Leah Hayden narra della vita di una donna che ha avuto un ruolo rilevante nel destino delle avanguardie del secolo scorso.

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti