• Home
  • L'albero velenoso della fede
  • Condividi :

L'albero velenoso della fede

Barbara Kingsolver

Compra on-line

È il 1960, l’anno in cui il giovane Kennedy porta via la poltrona al paterno generale di nome Ike, una scimmia vola nello spazio a bordo di un razzo americano e il mondo intero ruota attorno a un asse chiamato Congo. Lo stato dell’Africa centrale, liberato dalla dominazione coloniale belga, precipita nel Grande Gioco della guerra fredda tra le superpotenze, diventando meta di avventurieri, spie e missionari provenienti da ogni parte del globo. Nessuno stupore perciò se in quell’anno del Signore, nella foresta nei pressi di Kilanga, dove gli alberi crescono a dismisura come possenti animali, i viticci strangolano i loro simili nella lotta senza fine per la luce e i serpenti occhieggiano tra i rami, una donna e quattro ragazze bianche procedano come boccioli esangui lungo un sentiero. La donna, gli occhi chiari, l’andatura decisa, i capelli scuri raccolti in un logoro fazzoletto di pizzo, si chiama Orleanna Price, battista del Sud per matrimonio avendo sposato un predicatore,  anzi uno di quei predicatori dalla furia così potente da far invidia a quella dell’inferno. Le ragazze che le marciano dietro sono le sue figlie, quattro ragazze strizzate in corpi tesi come archi verso la gloria o la dannazione: le due bionde – Ruth May, piccola e vivace e Rachel, imperiosa e bella come la Rebecca biblica, la vergine al pozzo – le due brune, identiche come gocce d’acqua, Leah che procede a passo spedito, e Adah che trascina i piedi con andatura molle. Vengono da Bethlehem, in Georgia, e hanno portato nella giungla miscele pronte per dolci e piccoli oggetti, provviste, scatole, utensili, nascosti nelle tasche o nelle fasce strette in vita, come un’armatura tintinnante. A Kilanga prima c’era una missione, con quattro famiglie americane residenti e un dottore che arrivava una volta la settimana. Il dottore e gli americani si sono però trasferiti a Léopoldville, per offrire ai propri figli un’istruzione decente. E ora non vi sono che fiori tropicali e bestie feroci. Ma per Nathan Price così è il regno di Dio, così feroce nella sua gloria assoluta e primitiva.Nulla, infatti, può distogliere il predicatore, nemmeno l’amore per la moglie e per le giovani figlie, dalla sua devozione nei confronti dell’umanità. Sullo sfondo di un grande paese africano in preda al rivolgimento postcoloniale, coi suoi lutti e le sue speranze, le sue tragedie e i suoi sogni, Barbara Kingsolver ambienta una magnifica storia sui destini di cinque donne alle prese con la cecità e l’arroganza dell’idealismo maschile.

ISBN: 978-88-655-9159-8

Categoria:

Genere: Narrativa straniera

Collana: Super Beat

Pagine: 576

Tradotto da: Alessandra Petrelli

Prezzo:15,00

ISBN: 978-88-655-9159-8

Categoria:

Genere: Narrativa straniera

Collana: Super Beat

Pagine: 576

Tradotto da: Alessandra Petrelli

Prezzo:15,00

RECENSIONI

«Un potente romanzo epico… Barbara Kingsolver ha maneggiato i fili spinati di religione, politica, razza, peccato e redenzione per tessere un’opera di eccezionale bellezza».
Los Angeles Times Book Review

«Stupefacente… Un romanzo di caratteri, un’opera narrativa forgiata dallo sguardo acuto delle donne».
New York Times Book Review


«Barbara Kingsolver ha scritto una storia intensa, convincente, ricca di contenuti, leggibilissima».
Publishers Weekly


«Formidabile. La Kingsolver è come una prestigiatrice che gioca con le parole ottenendo effetti sorprendenti».
Times


«Un romanzo ammaliante: l’autrice racconta la vicenda con straordinaria sensibilità».
The New York Times

Newsletter

Resta aggiornato sulle novità e non perderti neanche un'anticipazione

Compila di seguito il campo inserendo la tua mail personale per ricevere la nostra newsletter

Lette e comprese le informazioni sulla privacy autorizzo al trattamento dei dati forniti